lunedì 17 ottobre 2011

L'intervista della settimana(1): Antonio Masciarelli


Inauguriamo questa settimana una nuova rubrica che ci accompagnerà durante tutta la stagione 2011-2012: l'intervista della settimana. Dopo ogni partita di campionato intervisteremo un calciatore dell'ASD San Martino, un membro del direttivo, un membro dello staff tecnico o solo un particolare tifoso martinese che si sia distinto durante la settimana.Per permettere a tutti di fare paragoni(e sfotto') il 90% delle domande sarà uguale ogni settimana.La prima intervista dell'anno è dedicata ad Antonio Masciarelli, autore del primo gol del rinato ASD San Martino(nella foto il giocatore martinese sul tipico campo da gioco del Fossacesia) e considerata la lunga amicizia con lui mi permettero' anche qualche piccolo commento.
-Altezza e peso forma:189 cm 78 kg
- Segni fisici particolari:La Carta di Identità direbbe “nessuno”.
- Studi o lavori?: Studio e lavoro…anzi, nell’ordine lavoro e studio.
- Hobby?: Calcio ovviamente, sia giocato che guardato in tv. Senza disdegnare lunghe passeggiate in compagnia, ovviamente alla villa(NDR:MITICO MARTINESE 100%)! Mi rilassano.
- Tiri di destro o di sinistro?:Visti gli ultimi risultati diciamo che più che “tirare” (non ne va dentro uno!anzi uno si!) colpisco il pallone preferibilmente con il destro.
- Sei veloce nello stretto o in progressione?:Ho le gambe lunghe, preferisco le progressioni, anche se nello stretto riesco spesso a nascondere il pallone più o meno a tutti!Tranne che a Marco Pompilio, contro il quale preferisco non provare neanche per salvaguardare l’ incolumità!
- Datti un voto ai seguenti fondamentali:
colpo di testa, 7
tackle, 6 (NON ESAGERARE;-)
dribbling 8,5
tiro di interno, 7,5
tiro di esterno, 7
contrasto; 6,5 (NON ESAGERARE ;-)
- In breve la tua carriera calcistica dalle giovanili ad oggi:Non dimenticherò mai la prima partita di sempre, quella che un po’ fa da filo conduttore di tutta la mia “carriera” calcistica e che chiude un cerchio magico con la partita di Fossacesia: San Martino – Rappresentativa Guardiagrele 5 – 5, campo nostro in paese, San Giuseppe 1990, gol del 4 – 3 provvisorio mio di ginocchio (voluto!)(MITICO MARTINESE VS GUARDIAGRELE). Da lì tanti anni di settore giovanile a Guardiagrele, fino al 1998, anno del mio approdo al Chieti, dove ho giocato 3 anni. Poi Casacanditella, 3 anni di Faresina con una Promozione sfiorata, breve parentesi a Caporosso pre-partenza per il percorso lavorativo ben noto. 6 anni dopo eccomi di nuovo mettermi in gioco, il resto è storia recente.
-Hai segnato tanti gol nelle giovanili per poi passare dopo i 20 anni a giocare libero e per tornare ora come attaccante.Hai capito finalmente che sei piu’ bravo a prender calci che a darli e a tener palla piuttosto che a prenderla agli altri?Oppure sei ancora in crisi d’identità?: Ho iniziato a giocare attaccante, con buoni risultati, poi la mia evoluzione fisica e tecnica ha portato i miei allenatori (soprattutto a Chieti) a farmi giocare prima centrocampista e poi libero, posizione che ho poi confermato nel corso degli anni. Ho sempre considerato la mia duttilità tattica come un pregio. Diciamo che sono sempre riuscito a mettere il cervello in campo, anche se probabilmente il ruolo non ben definito ha condizionato la mia carriera. Oggi faccio e mi sento una seconda punta(BRAVO,CHI TI HA MESSO DIFENSORE E'UN PAZZO). Segno, per poi passare dietro a difendere gol e risultato. Quindi come vedi, la crisi d’identità resta!
-Il giocatore del San Martino che piu’ ti piaceva:A dirla tutta non seguivo tanto la squadra e di ricordi in merito ne ho pochi. Anche perché ai tempi ero un bambino. Tuttavia ho sempre apprezzato ed ammirato il dott. Pompilio Pierino, probabilmente il più grande bomber di sempre della storia del San Martino. Ricordo uno spareggio 3 –2 al campo purtroppo franato, con una sua doppietta. I miei occhi di bambino ne rimasero affascinati. Mi piace pensare di dare continuità alle sue gesta.
- Il giocatore di serie A o internazionale che piu’ ammiri:Ammiro i calciatori educati(NOOOOOOOO, INCREDIBBBILE), quelli che in campo si pongono come esempio. Se proprio devo fare nomi dico Roberto Baggio e Del Piero, nonostante la mia avversione ai colori bianconeri!
- Il giocatore professionista a cui ritieni di assomigliare almeno un po’ e in
cosa
:Mi piace pensare di assomigliare a Kakà, con le dovute proporzioni mi riconosco nelle sue movenze. Ci accomunano il dribbling e la progressione da 400ista.
- Piatto preferito?:Più che piatto, contorno: patate fritte
- Film preferito?:Montecristo, la versione con Jim Caviezel
- Trasmissione televisiva preferita?:Eurosport Watts
- Personaggio pubblico preferito?:Qui non ci sono dubbi, il mio idolo: Josè Mourinho
- In cosa deve migliorare mr Esposito secondo te?:Forse deve dedicare più tempo ed essere un po’ più incisivo nell’analisi tattica delle partite.
- La sera arrivi prima degli altri o resti dopo la fine degli allenamenti ad
allenarti ancora un po’?
:Purtroppo causa lavoro raramente ho la fortuna di riuscire ad allenarmi con la squadra. Mi alleno da solo, ma confesso di farlo con la testa proiettata al campo dove siamo cresciuti tutti. Moralmente sono con loro, prima e dopo l’allenamento.
- Fumi? Bevi alcolici?:Mai fumato in vita mia. Bevo di rado (che per me vuol dire mai!) alcolici.
- Quale dei calciatori martinesi “emigrati” riporteresti subito all’ASD San
Martino e perché?
:Nessuno.Non li ritengo ne necessari né degni di essere integrati in un gruppo in cui per primi e pubblicamente non hanno creduto. Al posto loro mi vergognerei.
- Ricordi il nome dell’avversario piu’ forte che hai marcato o che ti ha
marcato?
:Non saprei. Potrei dirne tanti, ognuno per un motivo. Uno su tutti, per i risultati successivamente ottenuti, Fabio Grosso.
- Come si piazzerà l’ASD San Martino in campionato e chi vincerà la stagione
2011-12?:
Abbiamo le potenzialità per proporci nelle zone medio alte della classifica. Pronostico un 6 posto! Sarebbe un ottimo risultato. E’ presto per dirlo, ma credo che alla fine, considerati i nomi, la spunterà il Tollo.
-Ultimo minuto dell’ultima partita di campionato…rigore per l’ASD San Martino
che con un gol andrebbe in seconda categoria: cosa fai?
A) dici al mister che lo vuoi tirare tu;
B) dici a di Meo che deve tirarlo lui;
C) Toni Santoleri lo vuole tirare per forza e allora lasci già il campo tanto
sai che non becca la porta;
D) devi calmare Mr Esposito che vuole tirare lui il rigore
E) ti nascondi dietro la panchina per non correre il rischio di essere il
tiratore prescelto;
F) Lo tiri tu tanto sarà sempre meglio che far tirare Marco Pompilio con i
suoi due ferri da stiro.

Dico a Di Meo che devo tirarlo io. Sarebbe una grande responsabilità. Guarderei i compagni in faccia, prenderei il pallone e lo tirerei io per tutti, sperando di segnare per non dover poi scappare dietro la panchina con mr Esposito e Marco Pompilio intenti a rincorrermi!
-In tutta sincerità..ma secondo te sei piu’ o meno forte di Mimmo Masciarelli
(sia da giovane che oggi…giocava uguale fidati)?:
Diciamo “un po’” più forte! Ma non ditelo a lui! Non ci crederebbe!

ED ORA TOCCA A VOI LETTORI...NELLA PAGINA SOTTO "COMMENTI" POTETE PROPORRE UNA DOMANDA DA FARE ALL'INTERVISTATO DELLA SETTIMANA. IL SOTTOSCRITTO SCEGLIERA' LA PIU' BELLA E LA PROPORRA' AL PROTAGONISTA SETTIMANALE.

1 commento:

Bella compà ha detto...

In una piccola realtà come quella del San martino fa piacere vedere come la maggior parte della rosa sia composta da ragzzi del paese anche se non tutti hanno risposto presente alla chiamata della società!:-)) In prospettiva chi pensi possa essere la sorpresa della squadra in questo campionato e chi tra i più giovani ha maggiori possibilità di una carriera "gloriosa"? Ti rangrazio in anticipo per la risposta!!!