sabato 19 novembre 2011

Francavilla al mare:la cittadina


Francavilla al mareè una città di quasi 25.000 abitanti(nel periodo estivo
piu' del doppio), con un territorio di 23 Kmq e una altitudine di 16 metri sul livello del mare. Per popolazione è l'11° città d'Abruzzo. Fondata nell'alto medioevo, era per lo più popolata da contadini e pescatori e si estendendeva da La Civitella (posta nel centro del paese)fino al mare, circondata da mura perimetrali con tre porte e 12 torri.Nel XIII secolo si sviluppò in paese una florida attività commerciale imperniata sul porto (che aveva un proprio fondaco per il sale).Nel 1307 fu istituita la Fiera dell'Assunzione.Nella seconda metà del Cinquecento fu espugnata, saccheggiata e in parte distrutta dall'armata turca di Pialì Bassà. Agli inizi del Settecento le fu conferito il titolo di città. Negli anni successivi all'apertura della tratta ferroviaria Ancona-Pescara-Bari (1865),iniziò a svilupparsi sulle rive dell'Adriatico il quartiere della Marina, con al centro il Palazzo della Sirena: il lungo viale alberato, le ricche ville disposte a scacchiera sulmare e gli eleganti alberghi trasformarono Francavilla in una rinomata stazione balneare. Tra la fine dell '800 e i primi decenni del '900 la città assurse a polo culturale dell'intero Abruzzo, grazie alla presenza del pittore Michetti, che qui aveva stabilito il suo cenacolo culturale.Durante la Seconda guerra mondiale Francavilla,fu in massima parte rasa al suolo dai bombardieri anglo-americani e dalle mine dei tedeschi in ritirata.Per questo motivo gli è stata consegnata "La medaglia d'oro al valor civile". Francavilla negli ultimi decenni si è quasi del tutto collegata a Pescara con la quale oggi forma un unico nucleo urbano. E' famosa per il premio Michetti, il Carnevale d'Abruzzo e la Mostra del Fiore. L'economia cittadina è prettamente basata sul turismo balneare, essendo rinnomata per le sue spiaggie:allo stesso tempo abbastanza importante è anche la "piccola pesca" e l'agricoltura dell'entroterra, sopratutto in campo enologico.

Nessun commento: