venerdì 8 maggio 2015

L'analisi del campionato: vincitori "in pectore" di un campionato fantastico. E possiamo ancora prenderci quello che il campo ha dimostrato.


A questo punto è doverosa una analisi della stagione: i martinesi sono stati per gran parte del campionato primi, con molti inseguitori dietro e tra questi il più costante, il Real Caldari. Colpa nostra per le sconfitte ed i pareggi ma soprattutto abbiamo pagato il mese di follia e calo atletico che ci ha visti soccombere a Palena ( ci poteva stare, da molti è considerata la più forte), la sconfitta con il Colledimezzo (questa di misura e si poteva pareggiare) e soprattutto il pareggio sul campo di un Real Calcio per gran parte del campionato fanalino di coda. Questi due punti hanno alla fine pesato. Si può recriminare per un secondo posto ad un punto dalla vittoria, a causa di una sola partita giocata male? No certamente, abbiamo perso altri punti in partite fuori casa contro squadra abbordabili, come ha dimostrato la classifica. Abbiamo inoltre spesso sofferto su campi molto più grandi di quello di Casacanditella. Ma anche il Real Caldari ha avuto le nostre stesse difficoltà e dobbiamo ricordare che negli scontri diretti nessuna delle due si è dimostrata migliore rispetto all'altra, dando vita a due pareggi. Per onestà non bisogna dimenticare un altro importante fatto, che ben può farci camminare a testa alta sul campo tanto da poterci considerare a pieno titolo "in pectore" campioni del girone. A novembre il Real Caldari ha pareggiato 1 ad 1 contro la Giovanile Chieti e solo un ricorso successivo ha permesso agli ortonesi di vincere la gara a tavolino (perchè i teatini avevano schierato un giocatore non ancora tesserato, D'Alessandro William, ammonito al 40 del 2° tempo). Non sappiamo se D'Alessandro abbia giocato tutta la partita, se abbia influito o no sul risultato ecc. La decisione della lega è giusta?  Si poteva rigiocare? Bastava una multa? Non lo sappiamo. La Lega sicuramente ha operato al meglio rispettando le regole che si applicano in questi casi ed il Real Caldari ha fatto bene a fare ricorso ed a vincerlo. Ma allo stesso tempo  possiamo dire che il Caldari ha vinto una partita a tavolino che sul campo era finita in pareggio. Noi i nostri punti li abbiamo guadagnati tutti sul campo.


L'ASD San Martino termina il campionato con il terzo miglior attacco (54 gol, contro i 56 del Sant'Anna ed i 59 del Palena che ha però esagerato nell'ultima giornata). Il Real Caldari ha effettivamente segnato 49 gol. A livello difensivo, i martinesi sono la miglior difesa del campionato con 32 gol subiti (seconda miglior difesa a 33 il Colledimezzo) mentre il Real Caldari ne ha subiti effettivamente sul campo 37. L'ASD San Martino ha la seconda miglior differenza reti (22) con il Palena primo in questa classifica (24) mentre il Real Caldari ha in questa classifica (12). A livello di risultati, in casa solo il Real Caldari, l'ASD San Martino ed il Villa Santa Maria restano imbattuti. A livello complessivo senza la vittoria a tavolino degli ortonesi sarebbe stato il solo San Martino a toccare le 14 vittorie stagionali. I numeri parlano chiaro ed anche il campo. Facciamo comunque i migliori auguri al Real Caldari per la promozione e speriamo di incontrarci di nuovo, magari già dal prossimo anno! Per noi inizia la lunga trafila dei play off: primo scontro contro il Colledimezzo (altra partita è Sant'Anna Chieti -Palena). Possiamo farcela ragazzi, siamo stati i migliori e dobbiamo solo continuare a dimostrarlo! FORZA ASD SAN MARTINO!!!!!!!!!
PS: La Giovanile Chieti è riuscita a falsare sia la corsa per il titolo sia quella per la retrocessione, facendo vincere a tavolino il Real Francavilla all'ultima partita e condannando il Gessopalena alla retrocessione diretta!



Nessun commento: